Le piogge sono ormai finite e nei campi, ormai tendenti al giallo per l’effetto del sole cocente, le raccolte si stanno concludendo ed i carretti trainati dai buoi portano le messi dai campi al villaggio.

È un periodo in cui si fanno i conti, si vede quanto è stato raccolto e si stima di quanto necessiterà la famiglia per il prossimo anno. In questo modo si capisce se c’è la possibilità di vendere una parte del raccolto per ricavare una piccola entrata o se lasciare le pannocchie a seccare sopra i tetti delle case per poi utilizzarle per la famiglia.

Mentre i genitori sono impegnati con i raccolti, prosegue l’anno scolastico per i bambini di Olivia Trust. Assistere ad una lezione della maestra è una scena indimenticabile. I bambini sono attenti e ripetono a voce alta le parole della maestra. Quando ripetono i numeri in Inglese è una gara a chi ha il tono di voce più alto, e poi il saluto per gli ospiti che entrano nella classe. Si legge nei loro occhi la felicità di essere seduti a quei banchi, tra quelle quattro mura in mezzo alla savana!

In Tanzania, nonostante i buoni tassi di sviluppo economico, la forbice tra i più i ricchi ed i più poveri è in aumento. Questa condizione è sempre stata un pericoloso focolaio di disordini in ogni Paese e la Tanzania, una delle poche Nazioni Africane a non essere mai stata insanguinata da guerre civili o tribali, ha bisogno di un supporto concreto per far sì che i progressi del Paese portino ad una società più equa, dove le nuove generazioni possano crescere in pace e serenità.

In questo periodo storico particolare, dove ognuno è chiamato a dare il proprio contributo per innalzare una società nella quale vorremmo veder crescere i nostri figli, Amici delle Missioni Onlus combatte proprio a fianco di quella generazione che domani potrà beneficiare della pace e che potrà dedicarsi alla costruzione di un mondo migliore, più equo e meno violento.
L’istruzione è l’arma più potente e tutto inizia da quell’aula in mezzo alla savana dove al mattino rimbombano le voci dei bimbi che ripetono i numeri in Inglese.

Grazie a tutti i sostenitori per quello che state facendo oggi e per tutti gli effetti, che nessuno può immaginare, ma che un giorno si ripercuoteranno sul continente Africano.

Gabriele Maneo
Itigi, Luglio 2016